Il Tar ha respinto il ricorso dei genitori del bambino di Lovere a cui è stato proibito di frequentare l’asilo nido perché non vaccinato.

 

I genitori avevano presentato ricorso dopo che i due non avevano rispetto il termine del 10 marzo per presentare la documentazione necessaria comprovante l’avvenuta vaccinazione. I genitori, come previsto dalla legge, avevano chiesto il cosiddetto ‘consenso informato’, partecipando a dei colloqui con i tecnici dell’Ats. Ma una volta constatato che i due hanno ribadito la loro decisione di non vaccinare il bambino, il Tar non ha potuto fare altro che respingere il ricorso. La famiglia ora sta valutando se impugnare la sentenza al Consiglio di Stato.

Share This