E’ stata disposta dal Pm un’autopsia per chiarire le cause della morte di un anziano di 90 anni, il cui corpo senza vita è stato trovato a terra in una sala d’attesa del Pronto Soccorso di Lovere. I fatti risalgono a domenica scorsa: l’uomo era stato portato in ospedale per curare un’ernia inguinale.

Dopo una manovra che gli aveva ridotto la protrusione, i medici avevano pianificato un intervento chirurgico per il giorno successivo: in attesa di avere l’esito del tampone salivare per accertarsi della sua negatività al Covid-19 e decidere dove trasferirlo, era stato lasciato da solo in una stanza.

Sembrerebbe che sia stato visto agitarsi, ma il fatto che fosse sdraiato su un lettino con le sbarre garantiva una certa sicurezza. Così purtroppo, non è stato: il personale lo ha trovato a terra privo di vita. Le indagini in corso dovranno stabilire come sia caduto (si pensa che, essendo molto magro, sia potuto passare attraverso le sbarre del lettino) e per quanto tempo sia restato da solo. Da qui la disposizione dell’autopsia, mentre l’Asst Bergamo Est ha preferito non commentare.

Share This