Forse non lo conosceranno in tanti, ma Lucio Corsi merita di essere ascoltato: è un ragazzo toscano di 26 anni giunto con questo “Cosa faremo da grandi” alla sua terza prova, dopo “Altalena boy/Vetulonia Dakar” (2015) e “Bestiario musicale” (2017).

Nato a Grosseto nel 1993, gestisce un ristorante nella vicina Macchiascadona, la madre è pittrice, suo il dipinto in copertina. Lucio Corsi si appassiona alla musica guardando il film del 1980 “The Blues Brothers” inizia poi a esibirsi nei locali della propria città.

Ispirandosi ai Genesis di Gabriel, compone brani strumentali per poi dedicarsi al cantautorato e finalmente nel 2014 incide il suo primo lavoro.

Ascoltare le sue canzoni è immergersi in un mondo fiabesco e poetico, il modo in cui si esprime è originale, la sua voce autentica, un album dedicato ai sognatori: nulla è impossibile!

Oggi sul sito di Vogue Italia si parla del progetto e del mediometraggio girato in Maremma insieme a Tommaso Ottomano….

Pubblicato da Lucio Corsi su Giovedì 9 gennaio 2020

Alla produzione Francesco Bianconi dei Baustelle. Vi dirò questo suo album mi ha resa felice, felice che ci siano giovani cantautori così, come Lucio Corsi.

Buonissimo ascolto!!!

Share This