E’ un altro di quegli eventi molto vissuti e protagonisti della primavera camuna, che si era dovuto fermare per la pandemia ma che ora è pronto a tornare in scena. Stiamo parlando del Maggio Brenese, il cui calendario è stato presentato dalla Pro Loco in questi giorni (il presidente Davide Cinquepalmi ne aveva anticipato il ritorno proprio a Radio Voce Camuna, durante l’ospitata nella diretta di Pausa Caffè).

Un calendario che attraversa tutto il mese di maggio per giungere al primo fine settimana di giugno. Si inizia sabato 14, con il concerto dell’Orchestra Fiati di Vallecamonica (alle ore 20:30 in Piazza Duomo), prima data del Vallecamonica Wind Festival. Sempre sabato e domenica, inoltre, si tiene un’estemporanea di pittura, con vari artisti impegnati ad immortalare i vari scorci di Breno.

Il Maggio Brenese include anche la festa di SS. Maria Ausiliatrice, dal 20 al 22 maggio nella Contrada Mezzarro, con musica, balli e stand gastronomico; spazio anche alla cultura con gli incontri della rassegna “Una primavera di libri al Museo Camuno”, previsti il 27 e 28 maggio ed il 4 giugno, ovviamente al Camus.

Tre gli eventi ospitati dal Cinema Teatro Giardino: il 27 maggio Antonio Pedersoli e i Musici (con il coro Made in a Smile), il 1° giugno la consegna delle borse di studio e del Premio Letterario San Valentino ed il 3 giugno il concerto jazz dell’Orchestra Modulare a Volume Variabile, a cura del Liceo Musicale Golgi. La conclusione, come detto, il primo weekend di giugno.

Il 4 tornano due appuntamenti tradizionali: lo spiedo nei cortili del centro storico (con necessità di prenotazione entro il 31 maggio chiamando lo 0364 32 26 03) e la sfilata delle auto storiche nelle vie del paese (alle 20:45). Infine, dal 21 maggio al 2 giugno sarà possibile visitare nella chiesa di Sant’Antonio l’esposizione di opere partecipanti al Premio d’arte Città di Breno.

Share This