Ad inizio anno Ono San Pietro; poi Niardo, Temù, Berzo Demo, Sellero. Ora, all’elenco dei Comuni tra la media e l’alta Vallecamonica in cui il contagio ha accelerato nel giro di poche settimane si aggiungono anche Malonno e Pontedilegno.

Nel primo caso, fa sapere Giovanni Ghirardi, sindaco di Malonno, i dati aggiornati a mercoledì parlano di 52 persone positive, per un totale di 286 tra la seconda e la terza ondata, di cui 229 guarite e cinque, purtroppo, decedute. Di queste 52 persone, 40 sono in isolamento domiciliare, le restanti quattro in ospedale.

AGGIORNAMENTO EMERGENZA COVID-19In riferimento agli ultimi aggiornamenti pervenuti da ATS della Montagna in data…

Posted by Comune di Malonno on Wednesday, March 31, 2021

“La nostra situazione è critica”, ha commentato Ghirardi al Giornale di Brescia, “ma cerchiamo di tenere botta”. Anche qui, la luce in fondo al tunnel è il vaccino: a Malonno, ad oggi, è stato vaccinato il 15% della popolazione, per un totale di 460 persone tra personale sanitario, scolastico, forze dell’ordine, volontari della Protezione Civile ed over80.

A Pontedilegno, come dichiarato da Ivan Faustinelli, primo cittadino del paese, durante l’ultimo Consiglio Comunale, il contagio è preoccupantemente aumentato nel mese di marzo, fino a raggiungere quota diciotto positivi. Nei giorni scorsi il Comune ha anche dovuto dare l’addio ad una concittadina.

📢COMUNICAZIONE DEL SINDACO IVAN FAUSTINELLI📢Cari Dalignesi,la nostra Comunità sta vivendo un momento molto difficile…

Posted by Comune di Ponte di Legno on Wednesday, March 31, 2021

Le restrizioni e la difficile situazione economica legata anche al turismo di cui Pontedilegno gode tutto l’anno, ha spiegato il sindaco, “stanno generando alti livelli di insofferenza e di difficoltà”. Da qui, la richiesta “di portare pazienza e continuare a mantenere comportamenti responsabili per garantire la salute di tutti”. Una richiesta che si estende, ovviamente, a tutta la Valle.

Share This