Resta chiuso il tratto da Darfo ad Esine della Ciclovia dell’Oglio, dopo la tromba d’aria che ha interessato la zona nel pomeriggio di domenica. I danni maggiori causati dal maltempo di queste ore si sono infatti riversati sulla pista ciclabile, dove sono caduti numerosi alberi, alcuni dei quali anche di grosse dimensioni.

Già da lunedì mattina gli operai del Consorzio Forestale Pizzo Camino e Bassa Valle si sono messi al lavoro per ripristinare la circolazione sul percorso, ma serviranno giorni, se non una settimana (tempo permettendo) per riportare la situazione alla normalità.

Uno dei punti maggiormente colpiti è stato il ponte tra Piamborno ed Esine, su cui i lavori di rimozione delle piante non è ancora iniziato e che necessiterà di una verifica strutturale prima di consentirne il passaggio.

La Comunità Montana si è subito interessata alle condizioni della Ciclovia, tramite un sopralluogo di Massimo Maugeri, assessore di partita: serviranno, ad una prima stima, circa 30mila euro per sistemare il tratto, a cui si devono aggiungere i fondi per il ripristino del ponte.

Se il lavoro di questi giorni degli operai non dovesse incontrare ulteriori ostacoli, nel fine settimana la strada potrebbe essere riaperta anche solo in alcune fasce orarie. Sempre a causa del maltempo, un po’ più su, a Breno, il torrente Camerala, domenica, aveva allagato il cortile d’accesso alla caserma dei carabinieri: in questo caso, però, l’emergenza è già rientrata.

[Foto via Giornale di Brescia]

Share This