La giornata di tregua offerta giovedì dal maltempo ha permesso in alta Valle di affrontare meglio le conseguenze delle nevicate dei giorni scorsi e di rimediare a gran parte dei disagi causati. A partire dalla Statale 42, da Pontedilegno al Tonale, riaperta giovedì pomeriggio dopo il sopralluogo in elicottero del nivologo della Provincia con Ivan Faustinelli, sindaco del paese.

Sempre ieri è stato sistemato anche il guasto ai ripetitori al Corno d’Aola, che ha permesso ai telefoni di tornare a funzionare, così come il segnale tv; ancora problemi, invece, per la linea elettrica, che continua ad essere garantita da dei generatori. Resta poi il problema degli alberi schiantati a causa del peso della neve: la maggior parte sono sopra l’area faunistica di Pezzo e sulla strada che porta a Viso.

Spostandosi più giù, la Provincia informa che ha riaperto anche la Provinciale 669 “Del Passo Crocedomini” nel territorio di Breno e Bagolino, mentre sulla Provinciale 345 “Delle Tre Valli” è stata disposta una revoca parziale della sospensione alla circolazione, a Bagolino; ancora chiuso, invece, il versante camuno nel tratto Nodano-Bazena, interessato sabato da una slavina, così come la strada per Montecampione 1.800 e la Val Palot-Colle San Zeno. Il freddo e le neve hanno anche però fatto scendere a bassa quota alcuni ungulati, in cerca di cibo: non sarebbero in difficoltà, ma gli esperti consigliano di avvicinarli per dare loro qualcosa da mangiare.

Share This