Dopo il furto di materiale scolastico – computer e lavagne interattive, ma anche tastiere per l’educazione musicale -, alla scuola secondaria di Marone ci si è dati da fare e, grazie all’intervento tempestivo dell’Istituto Comprensivo di Sale Marasino, che ha ritenuto di possedere una capacità economica di intervento in autonomia nel suo bilancio, ciò che era stato rubato nei mesi scorsi è stato riacquistato.

Una spesa di circa 15mila euro permetterà ad alunni e insegnanti di riavere nelle aule tutta la strumentazione tecnologica: ben 15 nuovi pc, 5 lavagne Lim, e 5 videoproiettori.

Soltanto il materiale per musica, tastiere, casse ed amplificatori, non rientra nella spesa dell’Istituto. Il Comune di Marone si è fatto avanti per contribuire alle spese, ma anche un gruppo di genitori si sta mobilitando per coinvolgere qualche sponsor locale.

Ma i malintenzionati sono avvertiti: computer e lavagne non verranno installati fino a quando la scuola non sarà dotata di videocamere di sorveglianza e allarme, sistemi di sicurezza forniti dall’amministrazione.

Share This