Soltanto 35 i nuovi casi segnalati per la giornata di martedì da Ats della Montagna, uno dei dati più bassi degli ultimi tempi per la Vallecamonica. Complessivamente nel bresciano la situazione dei contagi sembra migliorare, con 136 nuovi positivi nelle ultime 24ore. A confortare c’è inoltre la voce “guariti”: altre 84 persone in Valle sono risultate negative al Covid nelle scorse ore. Gli isolamenti e le quarantene stanno funzionando, anche se la Vallecamonica rimane una delle zone più colpite della provincia.

Era atteso anche in Lombardia e a Brescia il vaccino Johnson&Johnson, la cui consegna ha subìto un brusco stop, poiché le autorità sanitarie Usa hanno sospeso temporaneamente l’utilizzo del prodotto – dato in un mese a 7 milioni di statunitensi – a seguito di pochi casi di reazione grave, tra cui uno mortale. Ora la campagna vaccinale potrebbe subire un altro duro colpo: soltanto nel bresciano erano attesi oltre 3mila flaconi del siero monodose.

Share This