Dopo l’applicazione della Tari da parte del Comune di Artogne, il Comitato di Montecampione è passato al contrattacco.

Citando l’articolo numero 1 dello Statuto, ha chiesto l’immediato scioglimento del Consorzio, incalzando Prefetto e revisori dei conti a dare seguito al procedimento.

Il Consorzio Montecampione, a sua volta, ha indirizzato una lettera al Prefetto chiedendo di voler assumere ogni opportuna iniziativa legale a tutela del Consorzio, facendo riferimento alla lettera della Prefettura del 27 marzo scorso in cui si raccomandava a tutti i soggetti in campo di attivare ogni utile iniziativa diretta ad espletare le procedure necessarie per regolarizzare l’esercizio dei servizi pubblici di Montecampione.

“Il Consorzio – si legge nel comunicato stampa – opera ed opererà nelle sue attività e si proietta al 18/08/2018 data nella quale si terrà la nostra Assemblea Straordinaria, con cui riformeremo il nostro Statuto, adeguandolo alla attuale situazione amministrativa”

Share This