Il futuro per gli impianti ricettivi di Montecampione si fa ancora più scuro. La sentenza della sezione fallimentare del Tribunale di Bolzano, nei giorni scorsi, ha infatti dichiarato il fallimento di Stella Alpina srls, società meranese che nel 2018 aveva rilevato all’asta fallimentare gli alberghi della località sciistica di Artogne, sia a quota 1.200 che 1.800.

Recentemente, il Consorzio dei residenti di Montecampione aveva presentato istanza di fallimento verso la società, per il recupero delle quote non pagate. Le due strutture oggi versano in uno stato di totale abbandono, il che non fa immaginare un futuro roseo né per loro né per il comprensorio, che senza alberghi si troverebbe in difficoltà per il proprio rilancio turistico.

Una situazione già resa critica dalle incertezza sulla partenza della prossima stagione sciistica, considerato che la pandemia e le restrizioni potrebbero accorciarla o addirittura cancellarla. In mezzo a tutto questo, secondo alcune voci -raccolte dal Giornale di Brescia– ci sarebbero dei soggetti già attivi nel settore turistico interessati all’albergo a quota 1.200. Ma è ancora presto per parlarne.

Share This