Con il raggiungimento del quorum di oltre cinque punti percentuali sul voto del nuovo statuto, il salvataggio del Consorzio di Montecampione è sempre più vicino.

 

Lunedì pomeriggio al cinema Alpiaz commercianti e villeggianti hanno votato per l’approvazione del nuovo statuto consortile: sabato ci sarà la conta dei ‘sì’ e dei ‘no’, ma il superamento del quorum è già un passo avanti. Una notizia preceduta dal rifiuto della terza sezione del Tribunale di Brescia alla richiesta di Roberto Pacchioli, Giuseppe Lanna, Massimiliana Ghislanzoni e Giancarlo Leporatti di far sciogliere il Consorzio.

Paolo Birnbaum, presidente del Consorzio, ha rimandato i festeggiamenti, ma ha detto che ora l’obiettivo ‘è quello di raggiungere i 750.000 milionesimi che equivalgono a circa 1.700-1.800 appartamenti di Montecampione’, in modo da sedersi ‘ad un tavolo con il Comune di Artogne e ridiscutere la questione Tari sapendo di rappresentare cinquemila persone’.

Share This