Pescarzo, Pisogne e Bienno tornano sotto i riflettori nel mese di agosto grazie alle tre Mostre Mercato.

La formula, consolidata e perfezionata nel tempo, viene riproposta anche in questo 2018 cercando di rinnovare alcuni contenuti.

Il primo a mettersi “in mostra” sarà come sempre Pescarzo, con nove giorni di apertura del suggestivo borgo, dal 4 al 12 agosto. Durante la settimana si inizia alle 19, mentre di sabato e domenica l’apertura del percorso è alle 16. Non mancheranno spettacoli quotidiani con musica folk e non solo, gli stand gastronomici e le dimostrazioni di arti e mestieri come la battitura della segale e la “cagiada”. Come sempre sarà attivo il servizio di bus navetta con partenza dal Parco tematico di Capo di Ponte.

Pisogne per due giorni si incrocerà con Pescarzo: si inizia nel fine settimana dell’11 agosto per proseguire fino al 18. Un percorso ricco di espositori, laboratori, installazioni artistiche e mostre, collocati nel centro storico a due passi dalle sponde del lago d’Iseo. Quest’anno sarà la leggerezza a caratterizzare le proposte e a fare da filo rosso con il tema “La mia città è leggera quando tutti saltiamo nello stesso momento”, che unirà il ricco cartellone di spettacoli teatrali e musicali, con una presenza speciale rappresentata da un’orchestra proveniente dalla Cina. Per la prima volta inoltre verrà aperta una grande area di sosta alla rotonda che si trova all’imbocco del paese e si potrà raggiungere il centro storico con un bus navetta, così da risolvere i problemi di traffico e parcheggi in centro.

Una lunga settimana, sul finire di agosto, chiuderà in bellezza la terna. Sarà a Bienno, con la “madre” di tutte le mostre, giunta alla 28esima edizione. Quello che rientra nell’elenco dei Borghi più belli d’Italia si farà ancor più suggestivo dal 18 al 26 agosto con apertura nei feriali dalle 17 alle 24 e nei festivi dalle 10 alle 24, mentre sabato 25 si potrà visitare dalle 14 alle 24. Un’esposizione di arti e mestieri che non ha bisogno di presentazioni, e che ogni anno attira da ogni parte d’Italia e non solo numerosi visitatori: lo scorso anno ha toccato quota 230mila. Novità dell’edizione 2018 l’apertura dell’area Parada a sei scultori della pietra provenienti da Matera.

Share This