Venerdì 4 febbraio Navigazione Lago d’Iseo, la società di trasporto di linea del lago d’Iseo è rientrata nel pieno possesso della motonave ibrida Predore.

Il magistrato ha dunque accolto la richiesta di Navigazione Lago d’Iseo riconoscendo che “la mancata consegna dell’imbarcazione è un evidente vulnus all’implementazione del servizio di trasporto pubblico lacuale” e ha accompagnato la richiesta di esecutività fissando una penale di 2mila euro per ogni giorno di ritardo nell’attuazione del provvedimento.

Il magistrato, nell’Ordinanza, rigetta le esigenze probatorie sostenute da Zara Costruzioni Srl sottolineando che, a seguito della risoluzione del contratto intervenuta nel 2019, con conseguente obbligo di consegna della motonave, “la resistente ben poteva procedere agli accertamenti probatori ritenuti indispensabili”.

NLI precisa che la riconsegna della motonave Predore chiude solo una fase del contenzioso per inadempimenti apertosi nell’estate 2020: resta ancora da definire la componente relativa alla richiesta risarcitoria avanzata da Navigazione Lago d’Iseo.

La motonave Predore doveva essere la prima nave ibrida a navigare su un lago italiano e l’appalto di costruzione, vinto nel 2016 da Zara Costruzioni Srl, impegnava la società appaltatrice a consegnare il natante entro il 2018. Nel frattempo il primato l’ha conquistato il Lago Maggiore.

Share This