Il suo arrivo era stato ampiamente annunciato e ieri non ha sorpreso, se non per il fascino che porta sempre con sé: la neve è caduta su tutta la provincia di Brescia, con i primi timidi fiocchi che hanno iniziato a scendere all’ora di pranzo.

 Il rientro dopo il ponte di Sant’Ambrogio e dell’Immacolata è coinciso con l’arrivo della neve.

Un mix che ha reso un inferno la discesa dalle località turistiche dell’alta Valle a centinaia di automobilisti.

Il traffico è letteralmente andato in tilt: tra Ponte di Legno e Malonno sino al tardo pomeriggio sono state stimate oltre quattro ore di coda.

Ai fattori già citati si sono sommate le presenze dei veicoli spargisale e sabbia che nel traffico hanno ulteriormente rallentato la progressione dei veicoli.

Soltanto dopo Breno il traffico risultava più regolare, anche se comunque eccezionale. Non sono poi mancate complicazioni, con qualche tamponamento e dunque ulteriori rallentamenti.

Le previsioni del tempo che annunciano come la perturbazione atlantica che da ieri mattina ha raggiunto l’Italia porterà nelle prossime ore nuove piogge e nevicate sulle regioni settentrionali e Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che integra ed estende quella diffusa sabato: sono previste nevicate al di sopra dei 200-400 metri e con sconfinamenti fino a quote di pianura.

L’allerta dei meteorologi riguardala possibilità di avere pioggia ghiacciata, il cosiddetto «gelicidio». Per questo è importante che le Amministrazioni comunali predispongano per tempo la salatura e la sabbiatura delle strade.

Share This