Un’altra giornata di lavoro sulla Presolana per la VI Delegazione Orobica del Soccorso Alpino, impegnata nelle operazioni di ricerca di Claudio Ongaro, 39enne delle Fiorine di Clusone di cui non si hanno notizie da giovedì sera, ovvero da quando la famiglia ha lanciato l’allarme, non vedendolo rientrare a casa dall’escursione che aveva intrapreso nella stessa giornata.

Ongaro (dipendente alla Fonti Pineta, sposato e con un figlio), finito il turno di lavoro si era recato al Passo della Presolana. Venerdì i ricercatori hanno setacciato i sentieri primari, insieme al Soccorso Alpino della Guardia di Finanza ed ai Vigili del Fuoco; impiegati nelle operazioni anche i cani molecolari dell’Associazione Nazionale Carabinieri e due elicotteri con tecnologia per il rintracciamento del segnale telefonico.

Sabato, invece, le squadre (per un totale di un centinaio di persone) hanno perlustrato a rastrello diverse aree, dalla parte bassa a quelle in quota. L’ultima segnalazione certa dell’uomo, fatta da un fungaiolo che è partito con lui dal passo, era sul sentiero che va ai Cassinelli.

Share This