Non c’è pace per i boschi di Berzo Demo, tornati a bruciare in località Loa nella notte tra venerdì e sabato. Dopo una giornata di lavoro da parte dei volontari e dei Vigili del Fuoco che sembrava aver spento le fiamme, si pensava di poter procedere con le operazioni di bonifica.

Il vento, invece, ha alimentato nuove fiamme, costringendo a richiamare due elicotteri della Regione ed un S-64 dei Vigili del Fuoco fin dalle prime ore del mattino, mentre le operazioni da terra sono seguite da una quarantina di uomini.

In prima linea il gruppo di Protezione Civile dell’Arnica di Berzo Demo, che informa che per agevolare le operazioni la strada che conduce alla località Loa è stata chiusa ai mezzi privati. In queste ore è però sopraggiunto anche un altro allarme, legato alla carenza di acqua: i Vigili del Fuoco stanno facendo la spola da Cevo per rifornire la vasca di acqua e consentire alle operazioni di proseguire.

Sul fronte della natura del rogo, è ormai certo il dolo: le indagini in corso per scoprire i responsabili stanno andando avanti in queste ore, stringendo il cerchio intorno ai piromani. Ad ora le fiamme hanno bruciato circa trenta ettari di bosco e la cartellonista installata dal Parco dell’Adamello.

[Foto dalla pagina Facebook dell’Arnica]

Share This