“La Via Mala è assolutamente fondamentale per la viabilità e dunque per la sopravvivenza della Valle di Scalve; nonostante questa strada sia incantevole dal punto di vista paesaggistico, non sono rari episodi quali caduta massi e frane che mettono a repentaglio l’incolumità di chi vi transita e che obbligano a chiusure tenporanee, bloccando o quantomeno rallentando di fatto anche l’economia scalvina”. Questo il comunicato diffuso dalla Giunta esecutiva della Comunità montana di Scalve a seguito del crollo di calcinacci dalla galleria lungo la provinciale 294 che collega alla Vallecamonica, percorsa ogni giorno da migliaia di persone che si devono recare al lavoro o a scuola, oltre che da numerosi turisti.

Il comunicato è arrivato a poche ore dall’inizio dei carotaggi da parte dei tecnici della Provincia di Bergamo, ente che ha in gestione l’arteria.

“Confidiamo in un celere intervento dal punto di vista strutturale per la messa in sicurezza definitiva di questo tratto viario” ha dichiarato il presidente Pietro Orrù, in attesa dei risultati delle indagini alla volta del tunnel e di conscere quindi le decisioni che prenderà in merito la Provincia.

Per premettere l’esecuzione dei carotaggi è stato istituito il senso unico alternato in galleria.

Share This