Le comunità di Piamborno e di Breno sono ancora scosse per la scomparsa improvvisa di Paolo Guida, noto piazzaiolo venuto a mancare nei giorni scorsi ad Esine dopo essere stato ricoverato per Covid-19. Paolo, originario di Vieste (Foggia), a Breno era titolare di una pizzeria d’asporto e per qualche anno aveva anche aperto un locale a Piamborno: era ben voluto in entrambi i paesi dove, oltre ad avere numerosi clienti, aveva stretto anche amicizia con molte persone.

Proprio alla luce dell’affetto nei suoi confronti, è stata avviata nelle ore scorse una raccolta fondi per dare una mano alla moglie Monserrata ed alle figlie Aurora (22 anni) e Francesca (15 anni), ora costrette alla quarantena nell’appartamento di Piamborno in cui vivono.

A lanciare la raccolta è stato don Cristian Favalli, parroco di Piamborno e Cogno ed in passato curato a Breno, che ha aperto una pagina sul sito Gofundme per raccogliere le donazioni, da effettuare entro la fine di marzo. Ad oggi, sono oltre 9.200 gli euro raccolti, che il parroco donerà interamente alla famiglia di Paolo.

Chi volesse, fa sapere Favalli, può in alternativa effettuare una donazione all’Iban IT06 B086 9254 3500 1500 0152 406 intestato a Monserrata Satta. La salma di Paolo Guida è già giunta a Vieste, dove giovedì pomeriggio si sono celebrati i funerali: due giorni prima della sua morte, anche la madre 77enne era venuta a mancare, anche lei a causa del Covid-19. “Appena sarà possibile”, annuncia il parroco, “celebreremo anche noi nella nostra chiesa di Piamborno una Santa Messa di suffragio per Paolo insieme alla moglie e alle figlie”.

Share This