Un piccolo prezzo da pagare, ma per il bene di una strada che d’estate è molto frequentata. Così, a Vezza d’Oglio, il Comune ha giustificato l’introduzione del pagamento di tre euro al parcheggio sul fondo della Val Paghera, ovvero all’imbocco del sentiero che porta alla conca dell’Aviolo.

Come Pontedilegno (che anche quest’anno ha introdotto la tariffa nelle aree di Sant’Apollonia e Case di Viso, aumentandola a 5 euro), anche Vezza d’Oglio ha deciso quindi di applicare un piccolo dazio per le numerose auto che transito nel parcheggio.

Ovviamente, come capita spesso quando si parla di soste a pagamento, non sono mancate le polemiche, che il Comune però respinge. Diego Occhi, sindaco del paese, spiega infatti che i soldi raccolti saranno utilizzati, insieme ad altri fondi reperiti nelle pieghe del bilancio comunale, per la manutenzione del sentiero stesso, ovvero per il taglio erba ai bordi della strada, la pulizia delle cunette ed altri interventi di manutenzione. Il pagamento dovrà essere effettuato sul posto ad un addetto presente: se per ora è stato in vigore solo nei primi tre fine settimana di luglio, dal 25 luglio al 30 agosto sarà giornaliero.

[Foto da Bresciaoggi]

Share This