La giunta regionale della Lombardia – su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità
sostenibile, Claudia Maria Terzi – ha stanziato una cifra pari a 2 milioni di euro da destinare alle aree
demaniali dei laghi territoriali.

Del totale, 470mila euro verranno destinati all’Autorità di Bacino Lacuale dei Laghi d’Iseo, Endine e Moro. I progetti ammessi sono relativi alla manutenzione straordinaria in aree portuali ed extraportuali: la convenzione prevede interventi di messa in sicurezza e pulizia idraulica del sedimento depositatosi in concomitanza di porti, aree coste localizzate e foci dei corsi d’acqua.

“Sono state individuate 15 aree su cui agire – ha sottolineato Alessio Rinaldi, Presidente di AdB – 8 sono i porti, per circa 20mila metri quadrati di superficie; due invece le aree costiere, in tutto 9mila metri quadrati. 5 le foci dei torrenti, per un totale di 8.300 metri quadrati di superficie”.

L’azione si svilupperà su entrambe le sponde le lago d’Iseo, e le aree interessate sono i porti: quelli di Costa Volpino (loc. Pizzo), Pisogne, Iseo (Porto Commerciale, Sassabanek), Clusane d’Iseo (Porto Filanda, Porto Centrale, Porto Molino), Sarnico. Le foci: Pisogne (torrente Trobiolo); Marone (torrenti Bognadore e Opolo); Iseo (torrente Cortelo), Castro (torrente Borlezza) e le aree extraportuali: Paratico (località “Chiatte” e “Tengattini”).

“La rimozione dei sedimenti in eccesso – ha concluso Rinaldi – andrà a contrastare il fenomeno del
progressivo interrimento dei porti, delle foci e delle spiagge: in modo particolare favorirà la navigazione”.
Inoltre – è stato precisato nella convenzione – i lavori, da terminare entro il dicembre del prossimo anno,
assicureranno e garantiranno le esigenze paesaggistiche, ecologico ambientali, ricreative delle acque
superficiali, evitando anche i fenomeni di rigurgito in concomitanza dei torrenti che presentano la loro foce a lago.

Share This