L’opposizione consiliare di Pisogne va all’attacco della Giunta.

 

I gruppi di minoranza «Insieme per Pisogne» e «Passione per Pisogne» coordinati rispettivamente da Matteo Bertolini e Gabriele Ceresetti, appreso che il bilancio del Comune sarebbe in una situazione di grave difficoltà, si dicono preoccupati.

Dopo che effettivamente il dato economico era stato attestato in una delibera di giunta del mese scorso, l’opposizione fa riferimento alle rilevazioni del responsabile finanziario, del segretario del Comune e del revisore ufficiale dei conti, sottolineando che ci sarebbero 300 mila euro di esposizione per la parte corrente.

Sul fronte delle spese secondo Bertolini e Ceresetti l’amministrazione guidata dal sindaco Diego Invernici “ha impegnato finanze pubbliche senza avere una necessaria copertura, facendo affidamento su previsioni di entrate compensative che non sarebbero state seriamente realizzabili”.

“Entro il 31 dicembre l’amministrazione dovrà trovare una soluzione a questa falla” proseguono dalla minoranza “Non vorremmo che le misure si risolvano in una riduzione delle voci di spesa, e quindi in tagli ai servizi, e speriamo altrettanto che non decidano di ricorrere a un incremento della tassazione per aumentare le entrate”.

Sempre secondo i gruppi di opposizione, a questo “buco” si deve sommare anche il sollecito dell’Azienda territoriale per i Servizi alla persona di Valcamonica relativo al mancato pagamento di 463 mila euro per le prestazioni assistenziali erogate negli anni 2016 e 2017.

Share This