L’ospedale di Edolo verrà sottoposto a interventi di sviluppo, soprattutto per far fronte all’incremento di pazienti nel periodo estivo e a fine anno. Lo ha annunciato il direttore generale dell’Asst Valcamonica Maurizio Galavotti, affiancato da dirigente e medici della struttura ospedaliera, Giorgio Grazioli, Filippo Manelli e Roberta Chiesa.

Secondo le stime, in Pronto Soccorso a Edolo, da una media di 800 ingressi durante l’anno, si passa nei mesi estivi a 1.700 ingressi.

Ecco quindi gli interventi: dotazione di una nuova ambulanza a servizio delle attività di emergenza – urgenza 118 dell’Asst, con particolare riferimento alla sede di Edolo, per assicurare un ammodernamento del parco veicoli in dotazione all’Asst per le attività di propria competenza e per quelle svolte per AREU;

Attivazione, già da lunedì 22 luglio e fino al 2 settembre, del progetto “fast track” in Pronto Soccorso a Edolo. Si tratta di un percorso clinico-specialistico facilitato per gli accessi in Pronto Soccorso volto all’ottimizzazione dei tempi d’attesa e della gestione dei pazienti. Ciò sarà possibile grazie alla sinergia operativa tra l’UOC Medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza (Pronto Soccorso) e le UOC Ortopedia – Traumatologia e UOC Medicina di Edolo.

Inoltre è prevista l’attivazione, sempre presso il Presidio di Edolo, di cinque posti letto per attività di cure sub acute: accanto ai posti già presenti a Esine, viene assicurata la presa in carico mediante il ricovero protetto di pazienti affetti da postumi di un evento acuto che non possono essere dimessi al proprio domicilio perché necessitano ancora di assistenza medica e infermieristica per il completo recupero.

Share This