Il lockdown ha fatto bene alla colonia di rospi bufo bufo che si aggirano nella zona del Sebino Bresciano. Rispetto ai cinquecento di dieci anni fa, fanno notare le Guardie ecologiche volontarie della Comunità Montana, il numero di esemplari è salito del 113%, fino a raggiungere quota 3.700.

Un numero che testimonia ovviamente lo sforzo dei volontari nel salvaguardarli con le ronde serali effettuate ogni anno tra febbraio e maggio, ma che evidenzia anche come il traffico stradale notevolmente calato nella prima parte del 2020 abbia permesso agli anfibi di proliferare senza rischi.

Le Guardie ecologiche volontarie, insieme all’Associazione Monte Alto, si posizionano nel tratto tra Paratico e Clusane d’Iseo per salvare i rospi che, durante il tramonto, scendono dal Monte per raggiungere le rive del lago per riprodursi e che rischiano di essere investiti.

Un lavoro, il loro, fondamentale, dal momento che i “sottopassi” creati per favorire il transito degli animali non stanno funzionando. Per questo, è sempre necessario avere più Guardie ecologiche volontarie: il loro numero è aumentato grazie ai corsi di formazione, di cui sono già previsti nuovi incontri.

Share This