È stato firmato lunedì pomeriggio presso la sede di Sarnico dell’Autorità di Bacino, alla presenza dei
prefetti di Brescia e Bergamo, il protocollo d’Intesa con i Comandi Provinciali della Guardia di Finanza
di Bergamo e Brescia e il Reparto Operativo Aeronavale di Como, per le attività di vigilanza sul demanio
e sulla navigazione interna.

Presenti a Sarnico accolti dal presidente di AdB Alessio Rinaldi, i comandanti provinciali della Guardia di Finanza di Bergamo e Brescia, colonnelli Giovanni Fontana e Francesco Maceroni, dal comandante del Reparto operativo Aeronavale di Como, il tenente colonnello Paolo Zottola, che hanno spiegato che l’intesa ha come finalità la vigilanza sul demanio e sugli illeciti che possono essere perpetrati sul lago. Un’importante collaborazione tra le espressioni territoriali, investigative e specialistiche aereonavali, al fine di approfondire i fenomeni illeciti. Sarà assicurata un’assistenza via terra o via acqua al personale dell’Autorità di Bacino nelle attività di verifica, nelle attività di rimozione di beni mobili o unità di navigazione abusivi e nelle attività di rimozione delle strutture abusive.

La Guardia di Finanza sarà presente dal 1 luglio al 31 agosto prossimi, e potrà contare sui mezzi navali (ad oggi è uno, ormeggiato presso le strutture dell’ANS di Sulzano) e su un elicottero, che verrà attivato all’occorrenza per soccorso persona e vigilanza dall’alto. A bordo del velivolo è installato il sistema IMSI – IMEI Catcher: si tratta di un dispositivo di sorveglianza utilizzato per intercettare le comunicazioni mobili – captando il segnale del telefono cellulare – per rintracciare persone disperse sia sulla superficie dell’acqua che sulla terra ferma.

Share This