Dopo il coinvolgimento dei Comuni bergamaschi e limitrofi a quelli di Iseo e la costituzione di un apposito Comitato che ha promosso l’estate scorsa una raccolta firme, anche la Provincia di Brescia scende in campo per chiedere la riapertura del Punto Nascite dell’ospedale iseano, chiuso perché non aveva raggiunto la soglia dei 500 parti previsti da una legge del Governo per mantenerne l’apertura.

Il Broletto ha fatto sentire la propria voce approvando una mozione presentata da Cristina Almici, consigliere provinciale di centrodestra nonché sindaco di Bagnolo Mella. “Riteniamo indispensabile e urgente”, si legge nella mozione, “cercare di invertire il calo demografico, partendo dalla riapertura dei punti nascita negli ospedali periferici il cui bacino di utenza è ulteriormente svantaggiato dalla morfologia come nel caso del territorio servito dall’ospedale di Iseo, da sempre punto di riferimento per l’intero Sebino e della Franciacorta”.

La Provincia si impegna a chiedere al Comitato per il Percorso nascita intercostituzionale di ottenere una deroga al tetto dei 500 parti e misure finanziarie nella legge di Bilancio che rendano strutturali gli aiuti economici alle famiglie che decidono di avere figli.

Share This