Una donna di 51 anni, ucraina, è stata arrestata a Lovere, allo sportello di una banca, mentre stava per incassare un assegno circolare a suo nome da 20mila euro. Secondo le indagini i soldi sarebbero arrivati con un passaggio contabile on line. Vittima del raggiro un imprenditore campano, che si sarebbe accorto che il passaggio di 20mila euro da un conto all’altro intestato alla sua società non era andato a buon fine.

Da qui la denuncia e le indagini, che hanno portato all’arresto della 51enne. La donna, probabilmente attraverso un “phishing” sarebbe entrata nei conti dell’imprenditore e quella cifra sarebbe finita sul suo conto aperto un mese fa. Ora è un carcere a Bergamo, accusata di ricettazione, in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Share This