Sono tutti argomenti che stanno occupando da giorni le pagine dei quotidiani, quelli messi in apertura alle testate locali quest’oggi, ma di diverso genere.

Giornale di Brescia mette in primo piano il botta e risposta tra Governo e Regione Lombardia, e in particolare tra il ministro Fedeli e l’assessore Gallera, in merito a quella che aveva l’aria di una proroga concessa dal welfare lombardo alla scadenza fissata per il 10 settembre di presentazione dei certificati vaccinali. Gallera risponde al ministro dell’Istruzione chiarendo che l’obiettivo è quello di ottenere il risultato della sostanza, ovvero far vaccinare i bambini, non emettere sanzioni o non accettare la loro iscrizione a scuola. A tal proposito Gdb, nelle pagine interne, dà voce anche al direttore dell’ufficio scolastico provinciale Maviglia, che sottolinea che il compito della scuola, più che controllare, sarà quello di informare.

Bresciaoggi cavalca la psicosi per un altro caso di cui si parla molto e titola: “Emergenza stupri, 4 in un giorno”, parlando del nuovo episodio di Rimini, che ha però contorni ben diversi da quelli dello scorso fine settimana, e di altri casi registrati in diverse città d’Italia, fino all’aggressione di una bresciana da parte di immigrati per portarle via la borsa.

Le uova al Fipronil sono invece l’argomento d’apertura di Eco di Bergamo, che riporta la notizia di una partita ritirata perché contenente tracce di insetticida, che se sotto a soglia limite per la pericolosità. Si tratta di uova, precisa però l’Eco, non prodotte nella bergamasca ma provenienti dal piacentino.

Corriere Brescia, infine, tratta l’argomento esenzioni e ticket, sottolineando come dai controlli dell’Agenzia delle Entrate sarebbero almeno 60mila i bresciani che hanno fruito dell’esenzione senza averne diritto. “Non sono tutti furbetti” il commento dei sindacati.

Share This