I quotidiani bresciani si concentrano oggi, a partire da Giornale di Brescia, che mette la notizia in apertura, sulla cattura del latitante Claudio Cominelli, 56enne condannato a 24 anni per l’omicidio, nel dicembre 1992 del fratello Walter. Indagata, per favoreggiamento, anche la sua compagna, che in questi 7 anni di latitanza l’avrebbe aiutato. Titolo: “Gettò il fratello nel forno dell’azienda Preso dopo 25 anni”.

Brescioggi riporta la foto di Cominelli diffusa negli anni 90 e quella di oggi titolando: “bruciò il fratello nel forno, preso Cominelli”.

Anche il Corriere sezione Brescia pubblica la notizia in prima pagina e scrive: “Uccise il fratello. Latitante da 7 anni arrestato in città”.

L’altra notizia di cronaca, questa volta dalla provincia, riguarda il ritrovamento del corpo di Riccardo Salvati “restituito”, come scrive Giornale di Brescia, dalle acque del Sebino. L’uomo era scomparso a fine giugno e le ricerche si erano subito concentrate nel lago, ma senza dare alcun esito. Ieri il corpo è riaffiorato ed è stato recuperato. Sarebbe quello del 53enne di Marone, ma la conferma ufficiale arriverà con l’esame autoptico. Titolo e piccola fotografia correlata anche sulla prima di Bresciaoggi.

Il nuovo patron del Brescia è protagonista delle prima pagine bresciane di oggi, dopo le esternazioni fatte ieri in merito allo stadio e all’allenatore Boscaglia. “Cellino show: Giù il Rigamonti, il nuovo in tre mesi” titola GdB. Bresciaoggi mette in centro pagina una fotografia dello stadio e il virgolettato di Cellino: “il Rigamonti è da demolire”. “Cellino: Brescia mio, suona il rock” è il titolo scelto da Corriere B5rescia, che pubblica un’intervista al patron delle Rondinelle.

Share This