Il Giornale di Brescia apre ancora con l’incidente di martedì scorso sulla A21: sarebbero state individuate le identità delle cinque vittime a bordo della Kia Sportage che si è scontrata contro un mezzo pesante dopo essere stata colpita da un altro tir: sarebbero i componenti di una famiglia che abitava in Costa Azzurra e che si stava recando in vacanza a Verona. Il Bresciaoggi, invece, riporta la testimonianza del camionista, già sentito dagli inquirenti, sopravvissuto.

Sempre il Bresciaoggi, però, dedica il titolo principale all’intervista a Valerio Camerano, amministratore delegato di A2A, che sostiene che il caso di Brescia con l’80% degli abitanti riscaldati grazio al termoutilizzatore sia più unico che raro. Il giornale riporta anche la notizia secondo cui i bresciani sarebbero indebitati per 13 miliardi di euro. A proposito di difficoltà economiche, nella pagina dedicata alla Vallecamonica del Giornale di Brescia viene dato spazio al rapporto annuale della Caritas zonale di Darfo, secondo cui nel 2017 sono stati più gli italiani che hanno chiesto aiuto che gli stranieri. All’interno del Bresciaoggi, invece, si racconta di come i fondi che fanno parte dell’accordo tra la Regione Lombardia ed i Comuni del lago d’Iseo per la valorizzazione del dopo Christo slitteranno a causa di alcuni intoppi burocratici.

Cambia totalmente registro L’Eco di bergamo, che si occupa dell’influenza e del suo picco, che dovrebbe colpire ben 135mila bergamaschi, ed anche dell’annunciato sciopero degli insegnanti di lunedì, che avrà delle ripercussioni anche nelle scuole del Bergamasco. In prima pagina spazio anche al ripopolamento degli stambecchi sulle Orobie, che in trent’anni sono passati da 9 a 1.100. Sul Giornale di Brescia, infine, in prima pagina, si parla anche delle opere pubbliche annunciate dal Comune di Montichiari e dell’obiettivo raggiunto del Vittoriale di superare i 250mila biglietti staccati nel corso del 2017.

 

Share This