Il 26 aprile verrà ripristinata la zona gialla dopo oltre un mese di stop. In tutti i territori classificati in questa area – anche tra regioni – ci si potrà spostare liberamente senza green pass o autocertificazione, mentre per spostarsi da o verso regioni rosse o arancioni servirà il pass (rappresentato dal certificato vaccinale, di negatività al tampone o di guarigione dal Covid).

Sempre in zona gialla, riprenderanno diverse attività.
Da lunedì via libera alle lezioni in presenza nelle scuole superiori, dove si potranno adottare forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica affinché sia garantita, in zona rossa, la presenza ad almeno il 50% e fino a un massimo del 75%, della popolazione studentesca, mentre in zona gialla e arancione la didattica in presenza deve essere garantita ad almeno il 70% e fino al 100% (questo sarà il caso della Lombardia). Riguardo all’Università, dal 26 aprile al 31 luglio nelle zone gialle e arancioni le attività si svolgeranno prioritariamente in presenza.

Sarà possibile pranzare o cenare solo nei luoghi di ristorazione con tavoli all’aperto. In zona gialla riapriranno i musei, mentre gli eventi in teatri, sale da concerto, cinema, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto saranno svolti solo con posti a sedere preassegnati con distanza di almeno un metro; la capienza non può essere superiore al 50% di quella massima, ma con un tetto di 1.000 spettatori all’aperto e 500 al chiuso.

Ancora in zona gialla, saranno consentiti gli sport all’aperto, anche di contatto. Il 15 maggio riapriranno in zona gialla le piscine all’aperto e gli stabilimenti balneari. Riapriranno anche nei giorni festivi, sempre in zona gialla, i mercati e i centri commerciali.

L’1 giugno si potranno riaprire le palestre al chiuso. Potranno aprire ma solo a pranzo anche i locali che hanno spazi al chiuso. Sempre in zona gialla, dal primo giugno si potrà andare a eventi sportivi di livello agonistico negli stadi o palazzetti, con presenza non superiore al 25% della capienza e comunque non più di 1.000 spettatori all’aperto e 500 al chiuso.

Dal primo di giugno potrebbero essere rivalutate, con una delibera, le disposizioni sul coprifuoco, che al momento rimane alle 22:00. Il 15 giugno in zona gialla riapriranno le fiere, mentre l’1 luglio via libera a convegni, congressi e parchi tematici di divertimento in zona gialla e a le attività dedicate al benessere e alle cure termali.

Share This