Sacchetti di immondizia, rifiuti vari, ma anche guanti e mascherine frutto delle norme anti-Covid e che, invece, di essere smaltiti regolarmente nell’indifferenziato, finiscono sull’asflato. E’ lo scenario che gli automobilisti si ritrovano a vedere in numerosi punti della Strada Provincia 510, la strada che costeggia il lago d’Iseo e che negli ultimi mesi presenta situazioni di degrado sempre più frequenti. Uno scenario che fa male all’ambiente ma che è diventato anche un pericolo per il traffico.

La Comunità Montana del Sebino Bresciano ha comunicato il fenomeno alla Provincia che, però, fa fatica a contenerlo. Marco Ghitti, presidente dell’ente comprensoriale, al Bresciaoggi ha confermato l’intenzione di collaborare affinché si possa trovare una soluzione: tra le ipotesi avanzate, quella di posizionare alcune fototrappole su autorizzazione della Provincia per individuare chi abbandona i rifiuti.

L’ente, per far fronte ai problemi causati dalle emergenze ecologiche, sta istituendo un gruppo di lavoro composto da un rappresentante per ogni Comune e dalle Guardie Ecologiche Volontarie, a cui toccherà il monitoraggio del territorio ed occuparsi della sensibilizzazione e delle formazione nelle scuole.

[Foto da Bresciaoggi]

Share This