Nell’incubatore di Clusane d’Iseo hanno iniziato a schiudersi le uova di coregone.

 

Si tratta delle uova spremute e fecondate durante la prima pescata, quella dello scorso 22 dicembre, come hanno reso noto dal Nucleo ittico-venatorio della Polizia provinciale, che sta coordinando la campagna per l’accrescimento del coregone nel lago d’Iseo.

Nel giro di 10-15 giorni dovrebbero schiudersi le uova raccolte nelle successive sette pescate, effettuate tra Natale e l’Epifania.

Una volta nati, i piccoli avannotti vengono tolti dalle bottiglie in cui l’acqua continua a muovere le uova residue e sono immessi nelle vasche vicine. La delicata operazione è compiuta dai volontari dell’Associazione pescatori Sebino-Franciacorta.

Quando avranno assorbito il sacco vitellino con il quale si nutrono, verranno liberati e andranno a ripopolare il Sebino.

Share This