Sabato alle 10:00 nella parrocchiale di Sonico i funerali di Claudio Moreschi, il 67enne volontario del Gruppo di Protezione civile locale morto mercoledì colto da un malore in montagna.

Un vero e proprio punto di riferimento per la comunità, dedito fino all’ultimo a prestare aiuto: mercoledì pomeriggio, quando si è sentito male, Moreschi si trovava in località Stablo con altri componenti del Gruppo a fare manutenzione alla piazzola di atterraggio dell’elicottero. Dopo il malore il tentativo di rianimarlo da parte di chi si trovava con lui e la chiamata d’urgenza dei soccorsi. Purtroppo però il pensionato è spirato mentre si trovava sull’eliambulanza diretta a Brescia.

“Faceva il volontario con tanta passione e voglia di fare, sempre tra i primi ad arrivare e a mettersi a disposizione” ricorda il Gruppo guidato da Pierino Gulberti. Il sindaco Gianbattista Pasquini, facendosi interprete del dolore di tutto il paese, ha affermato: “Credo che l’insegnamento di Claudio di essere stato fino all’ultimo istante a disposizione degli altri a fare cose che a lui piacevano tanto, possa alleviare un po’ la sua mancanza e aiutare a ricordarlo col sorriso e dolcezza che lo contraddistinguevano”.
Al Gruppo di Sonico sono arrivate anche le condoglianze di Antonio Bazzani, consigliere provinciale con delega alla Protezione Civile, a nume di tutto il Servizio di Protezione Civile della Provincia di Brescia.

La salma è stata ricomposta presso la sala del commiato di via Gelpi a Edolo. Nel dolore la moglie Maria e il figlio Livio, pure lui impegnato con la Protezione Civile e consigliere comunale di maggioranza, la nuora e due nipotine.

Share This