E’ ancora chiusa e lo sarà fino a data da destinarsi la strada della Val Malga, a Sonico, all’altezza del Ponte del Guat, dove ieri pomeriggio circa 200 metri cubi di materiale franoso sono caduti vicino alla galleria artificiale, rendendo impraticabile il passaggio.

 

Cinque i rifugi irraggiungibili, mentre il Soccorso Alpino, la protezione civile, la Guardia di Finanza ed i Vigili del Fuoco di Edolo hanno scortato a valle un gruppo di 25 persone, tra cui due famiglie ed alcuni escursionisti. Paura anche per un gruppo di ragazzi che si trovava in colonia in Faeto, anche loro riportati a valle.

Il forte temporale che si è abbattuto nel pomeriggio di martedì ha causato anche problemi ad un gruppo di escursionisti che si trovava, nella zona del rifugio Gnutti, a Sonico. Al momento del rientro dalla loro escursione, nei pressi delle Scale del Miller, il gruppo non è più riuscito a procedere, dovendo chiedere così l’intervento del Soccorso Alpino.

Gli uomini della V Delegazione sono giunti sul posto in elicottero per una ricognizione e poi, aiutati da un drone, hanno valutato meglio la situazione. Il tutto, mentre gli escursionisti sono riusciti a raggiungere Malga Premassone. Da qui i tecnici del Soccorso Alpino li hanno accompagnati in sicurezza lungo un tratto critico, fino a farli scendere in valle. Sul posto anche il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile.

Share This