La Provincia di Brescia va incontro alle imprese penalizzate dal lockdown diminuendo le tasse per gli accessi produttivi sulle sue strade ed i canoni per la cartellonistica pubblicitaria attraverso una riduzione del canone annuo pari a quattro dodicesimi, corrispondenti al periodo più grave dell’emergenza, quello da marzo a giugno.

L’obiettivo è quello di attenuare la crisi di liquidità delle imprese e sostenere la ripresa dell’attività, attraverso uno stanziamento da 230 mila euro deciso dal presidente Samuele Alghisi dopo un incontro con le associazioni di categoria.

La tassa d’accesso riguarda attività industriali, artigianali, commerciali, estrattive, depositi, distributori di carburanti che hanno accesso alle strade provinciali ma che hanno subito un tracollo dei ricavi durante il lockdown (in particolar modo i benzinai, visto che le vendite sono diminuite del 90%). Anche le imprese pubblicitarie sono interessate dall’agevolazione in quanto non hanno potuto coprire i costi fissi della cartellonistica stradale.

Share This