Il 27 dicembre scorso, a causa di una frana, la sede stradale della Sp 6 che da Cedegolo sale in Valsaviore è stata danneggiata in più punti e di conseguenza chiusa al traffico per motivi precauzionali, insieme alla strada comunale che conduce in località Pozzolo di Cevo.

 

Dopo le festività natalizie i tecnici della Provincia hanno provveduto al disgaggio del materiale roccioso ancora instabile sul versante franoso e alla manutenzione della strada.

Inoltre, il 16 gennaio scorso si è tenuto un sopralluogo congiunto fra tecnici della Regione Lombardia, della Provincia di Brescia, della Comunità Montana di Vallecamonica, nonché dei comuni di Cevo e Saviore, finalizzato a verificare le condizioni di sicurezza del versante. Dal sopralluogo è emersa una condizione di criticità della parete rocciosa per la presenza di alcuni importanti massi instabili.

Si è reso quindi necessario un intervento con la posa di barriere paramassi il cui costo complessivo è stato definito in 300mila euro, coordinato dall’Unione dei Comuni della Valsaviore.

La Provincia finanzierà i lavori per un importo pari a 250 mila euro, mentre i comuni di Cevo e Saviore dell’Adamello comparteciperanno alla spesa con 25 mila euro ciascuno.

“Si tratta di uno sforzo importante per la Provincia – ha dichiarato il presidente Pier Luigi Mottinelli – Entro il mese di febbraio la strada sarà aperta alla circolazione, nell’interesse non solo della popolazione residente, circa un migliaio di abitanti, ma anche delle attività produttive e turistiche di tutta la Valsaviore”.

I sindaci della zona hanno espresso soddisfazione per l’intervento della Provincia. L’auspicio è che anche Regione Lombardia investa le risorse necessarie alla riqualificazione delle zone montane.

Share This