Cade un altro divieto dopo tre mesi di quarantena: da oggi ci si può spostare anche tra le Regioni. Inoltre, i cittadini dell’area Schengen e della Gran Bretagna potranno raggiungere il nostro Paese senza sottoporsi a restrizioni. Quella che Francesco Boccia, Ministro degli Affari Regionali, definisce “una conquista”, rappresenta un piccolo ritorno alla normalità per gli italiani dopo una pandemia che ha fatto oltre 33mila vittime.

Riaprire i confini tra le Regioni non significa, però, abbassare la guardia contro il virus: restano così in vigore tutte le norme che già conosciamo, come l’uso della mascherina (che in Lombardia resta obbligatoria anche all’aperto) e la distanza interpersonale.

Da oggi, inoltre, sarà misurata la temperatura a chi prenderà l’Alta Velocità o gli Intercity. Per i viaggi in auto, consentite massimo due persone per veicolo, di più se parte dello stesso nucleo familiare. Una riapertura che sa di boccata di ossigeno soprattutto per la nostra Regione, che tra tutte ha subìto maggiormente le conseguenze della pandemia: più libertà, insomma, ma anche maggiore richiesta di buon senso alla popolazione.

Share This