Dopo la condanna ad un anno e quattro mesi e 10mila euro di multa, lo stalker condominiale di Darfo Boario Terme torna in aula per altri due processi. La vicenda, già nota, riguarda un 58enne pensionato, ex dipendente statale, che vive in uno degli appartamenti del condominio “Reale”.

L’uomo, la cui condanna e multa si riferiscono ai fatti avvenuti nel 2016, deve ora affrontare una trentina di denunce provenienti dai suoi vicini di casa e dai titolari di una pizzeria, relativi ad episodi verificatisi tra il 2017 ed il 2019. Il giudice, giovedì, ha ascoltato la testimonianza di un carabiniere che da anni si confronta con l’imputato e con marito e moglie suoi vicini di casa: questi hanno raccontato di rifiuti gettati sul loro terrazzo, di minacce ed anche del tentativo di investire l’uomo mentre si trovava nel proprio orto.

Dopo la condanna, il 58enne non si sarebbe fermato, vessando in particolare la donna, anche con riferimenti sessuali. A questa non è quindi rimasto che recarsi dai carabinieri, ottenendo un’ordinanza di custodia cautelare, trasformata ora nella richiesta di tenersi a debita distanza.

Martedì prossimo l’imputato sarà di nuovo in aula per affrontare il processo per atti persecutori: il Giudice potrebbe disporre l’unificazione dei fascicoli in un unico processo e rinviare tutto al 23 dicembre, per poter sentire anche le altre persone che lo hanno denunciato.

Share This