Attraverso una mail datata 11 febbraio il consigliere delegato camuno Giampiero Bressanelli ha scritto una lettera al presidente della Provincia di Brescia Samuele Alghisi con la quale ha depositato l’atto di rinuncia alle deleghe (Rapporti con Comuni, Comunità montane, Acb e Personale, Acqua ad eccezione del Servizio idrico integrato, Transizione Ato di Valcamonica) ricevute lo scorso 10 gennaio, all’indomani dell’elezione del nuovo consiglio.

Il sindaco di Sellero ha voluto rimarcare le condizioni nelle quali si sarebbe trovato ad operare, giudicate non adeguate per svolgere al meglio il suo compito. In merito ai motivi della rottura il politico camuno accenna a una “scarsa considerazione” che il presidente manterrebbe nei suoi confronti.

Per Alghisi alla base dello strappo ci sarebbe “la modalità di gestione del personale che per il consigliere Bressanelli dovrebbe rispondere a logiche di immediatezza, che per il momento non sono percorribili. Nel giro di pochi giorni tuttavia prenderà vita la nuova organizzazione e a quel punto anche le deleghe di Bressanelli avranno piena autonomia” ha promesso il presidente. Da parte sua Bressanelli avrebbe comunque confermato la volontà di rimanere nella maggioranza, ma senza deleghe.

Alla luce di questo strappo e di altri problemi, il centrodestra in Broletto non ha perso l’occasione per far notare che “la maggioranza è fragile” e che “l’anno sembra partire nel peggiore dei modi”. Così si legge in una nota dei consiglieri di Lega, Fi e FdI, che giudicano il contesto decisamente poco sereno.

Guardando agli equilibri precari del Consiglio, l’opposizione ha chiesto chiarezza ad Alghisi. Di fronte a un reale abbandono di Bressanelli il centrosinistra non avrebbe i numeri per amministrare la Provincia. Nelle prossime settimane, per altro, il Broletto dovrà affrontare passaggi delicati, come la revisione del modello scelto nel 2016 per la gestione del ciclo idrico.

Intanto Massimo Pesenti, al timone della Fism Brescia, che associa le scuole dell’infanzia paritarie cattoliche o di ispirazione cristiana della città e della provincia, ha annunciato che venerdì alle 16:00 farà una diretta Facebook per spiegare “perché il Presidente della Provincia deve dimettersi”.

Share This