Sono stati comunicati gli importi predisposti dalla Regione Lombardia per la seconda tranche di interventi nei comuni colpiti dagli eccezionali avvenimenti atmosferici avvenuti nell’ ottobre del 2018 (la cosiddetta tempesta Vaia). Il piano, elaborato in base alle segnalazioni giunte da Comuni ed enti locali, e approvato dal Dipartimento della Protezione Civile, ammonta a circa 28,5 milioni di euro, da distribuire a 84 Comuni tra le province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Pavia Sondrio e Varese. Nel 2019 erano stati finanziati interventi per un totale di 36 milioni di euro.

Anche la Vallecamonica, che venne duramente colpita dalla furia che si abbatté su paesi e boschi specialmente nella notte tra il 28 e il 29 ottobre di due anni fa, riceverà nuovi contributi. Si tratta di finanziamenti in investimento per interventi di riduzione del rischio e per interventi di somma urgenza.

Gli interventi di riduzione del rischio porteranno in Vallecamonica circa 3 milioni di euro e riguarderanno: Artogne, che riceverà 250.000 euro, Borno (350.000 euro); Ceto (650.000 euro); Cevo (200.000 euro). Due gli interventi a Cimbergo (per un ammontare complessivo di 980.000 euro); uno a Paspardo (40.000 euro); uno a Saviore dell’Adamello (560.000 euro). Per la bergamasca da segnalare il finanziamento destinato a Costa Volpino (70.000 euro).

Gli interventi di somma urgenza verranno finanizati con circa 90.000 euro in Valle e sono: tre a Corteno Golgi, per un totale di circa 46.000 euro; uno a Cerveno (5.000 euro); uno a Lozio (8.000 euro); uno a Darfo Boario Terme (15.000 euro) e uno a Niardo (15.000 euro). Anche Bossico, per il Sebino bergamasco, riceverà un finanziamento (13.700 euro)

Share This