La campagna vaccinale ora concentrata soprattutto sulle terze dosi non sembra tenere conto di alcune situazioni che evidentemente sono sfuggite ad un sistema messo a punto nel corso di questi mesi. L’allarme è stato lanciato da una famiglia di Pian Camuno: i due genitori, soggetti fragili, hanno già ricevuto la terza dose, mentre i due figli, entrambi minorenni, non riescono ad accedere al sistema.

Una situazione che si fa difficile di giorno in giorno, soprattutto per la figlia maggiore di 17 anni, che ha ricevuto la seconda dose sette mesi fa e, come sappiamo, la copertura cala fino al 39% dopo cinque mesi. I due figli, tra scuola ed autobus, sono così più esposti al virus, e di conseguenza anche i loro genitori: la paura è soprattutto per il padre 75enne, affetto da problemi polmonari e cardiaci.

Con una lettera, la madre ha scritto al Ministero della Salute, raccontando il problema della sua famiglia, ma non ha ottenuto nessuna risposta; neanche il medico di base o il centro vaccinale sanno aiutarla. Eppure, basterebbe poco, per colmare una lacuna che potrebbe interessare anche altre famiglie.

Share This