Con l’inizio del mese di maggio prende il via anche in Vallecamonica la sperimentazione legata ai test sierologici per la ricerca di anticorpi contro il Coronavirus. Il Laboratorio Analisi del Presidio Ospedaliero, allestito nei giorni scorsi, è pronto a processare i prelievi dei soggetti individuati dall’Ats della Montagna e degli operatori dell’Asst di Vallecamonica che hanno accettato di prendere parte ai test, rispettando i protocolli del Comitato Infezioni Ospedaliere e del Servizio di Protezione e Prevenzione aziendale: proprio per questo motivo, nella giornata di sabato i Punti Prelievo di Esine ed Edolo saranno chiusi all’utenza.

250 le persone già contattate dall’Ats della Montagna: in questa prima fase l’invito è stato rivolto al personale al lavoro nel Pronto Soccorso ed in reparti a contatto con pazienti fragili, che possono aver avuto a che fare con soggetti sintomatici o asintomatici o soggetti con quadri simil Covid-19, a domicilio, e comunque che abbiano terminato il periodo di isolamento domiciliare fiduciario di 14 giorni senza mostrare sintomi.

Il test consiste in un prelievo venoso: se l’esito è negativo, verosimilmente la persona non è entrata a contatto con il virus e può rientrare in comunità; se è dubbio dovrà ripeterlo dopo una settimana; se è positivo dovrà essere effettuato il tampone. In caso di tampone negativo, la persona potrà rientrare in comunità, se positivo, diventa “caso Covid”, che comporta l’isolamento obbligatorio e quello fiduciario per i contatti stretti.

Share This