L’Eremo dei Santi Pietro e Paolo di Bienno diventa location ideale per un nuovo percorso. Un ciclo di appuntamenti mensili che porterà gli ospiti alla scoperta di testimoni di fede, di pace, di libertà e di giustizia. Insieme all’Eremo, nell’organizzazione degli incontri, le Fiamme Verdi, l’Ecomuseo della resistenza in Mortirolo, le Acli, il gruppo Dio cammina a piedi, la Cooperativa cattolico-democratica di cultura, l’Azione Cattolica, l’Ucid e Libera.

Il mese di gennaio vedrà il debutto di questa nuova offerta dell’Eremo, con un incontro che avrà luogo sabato 15 gennaio alle ore 15:00, in cui si parlerà di Paolo VI e del problema della guerra e le vie della pace durante il suo magistero.

Una scelta non casuale, dal momento che fu il Papa bresciano ad istituire, nel 1968, la prima Giornata Mondiale della Pace, che cade ogni 1° gennaio e che ha portato il mondo cattolico a considerare tutto il mese di gennaio come “mese della pace”.

L’incontro, che sarà introdotto da don Tino Clementi, direttore dell’Eremo, e da Ezio Gulberti delle Fiamme Verdi, vedrà la partecipazione di don Angelo Maffeis, presidente dell’Istituto Paolo VI di Concesio, con cui ci si soffermerà sul tema della pace durante il magistero di Papa Montini, dalla costituzione della commissione “Giustizia e pace” all’enciclica “Populorum progressio”, fino al celebre discorso tenuto all’Onu il 4 ottobre 1965 e quella frase “Mai più la guerra, mai più la guerra” diventa ovunque celebre e testimonianza del suo impegno a favore della pace, così come i suoi numerosi viaggi.

Per partecipare basta avere il Green Pass ed indossare una mascherina Ffp2. Il secondo appuntamento si terrà invece il 26 febbraio alla stessa ora e sarà dedicato al tema “I ragazzi della Rosa Bianca, studenti contro Hitler”.

Share This