(Foto da Eco di Bergamo)

Un mezzo pesante diretto alla Lucchini di Lovere è finito per sbaglio sulla 469 del Sebino e ha finito per incastrarsi nelle strette curve tra gli Orridi di Riva di Solto e Castro.

L’autista polacco al volante, non conoscendo la strada, a Poltragno di Lovere ha visto i cartelli di chiusura (che non riguardano però i mezzi pesanti come il suo) e ha proseguito sulla litoranea fino a farsi intrappolare tra le rocce nella prima delle tre strettissime curve a esse dopo la galleria.

È accaduto intorno alle 11.30 di giovedì e soltanto attorno alle 14,30 il bilico è giunto in località Gré del Comune di Solto Collina. Qui i carabinieri di Costa Volpino hanno dato il via libera in direzione Castro e il mezzo ha potuto raggiungere lo stabilimento della Lucchini.

Durante quelle tre lunghissime (e caldissime) ore la fortuna ha voluto che si imbattessero davanti al tir bloccato due camionisti bresciani, in zona come turisti: grazie alla loro competenza hanno aiutato l’autista a proseguire indicandogli le manovre da eseguire. Ma alla curva a gomito di Castro protetta dalla rete il bilico, nonostante gli avessero sgonfiato i pneumatici per abbassarne l’altezza, non riusciva a passare. Gli operai della Marini sono allora intervenuti con un muletto e hanno spostato il bilico quel tanto necessario per superare la curva.

Inutile dire che il traffico sulla litoranea bergamasca nel primo pomeriggio ha subìto una paralisi a causa dello sbaglio del camionista.

Share This