La voglia di correre, per i 650 atleti che si sono iscritti a tempo di record all’Adamello Ultra Trail, sarà davvero tanta. Lo stop all’evento di ultra running nel 2020 non ha fatto altro che aumentare il desiderio di tornare lungo i camminamenti della Grande Guerra sul comprensorio Pontedilegno-Tonale, per tre giorni di grande sport.

L’appuntamento sarà dal 24 al 26 settembre: le novità non mancheranno, come annunciato durante la presentazione alla stampa avvenuta venerdì scorso a Capanna Presena. Se le tre distanze sono state confermate, le due più lunghe presenteranno, nel loro percorso, dei nuovi tratti, ma tutte e tre garantiranno un saliscendi continui ai proprio protagonisti.

Questi ultimi, come detto, sono subito accorsi non appena aperte le iscrizioni, causando il tutto esaurito in poco meno di due mesi: dei 650 in gara, in 200 prenderanno parte all’Ultra Trail da 170 km ed 11.500 metri di dislivello positivo, altrettanti saranno in gara alla Trail da 90 km e 5.700 metri di dislivello positivo e 250 parteciperanno alla Short Trail da 35 km e 1.700 metri di dislivello positivo.

Da notare anche che gli eventi collaterali che fino all’ultima edizione si sono tenuti a ridosso delle competizioni principali si svolgeranno nelle settimane precedenti: il 29 agosto sarà la volta dell’Adamello Run da 30 km e 600 metri di dislivello (con partenza ed arrivo a Pontedilegno) e della novità Adamello Slow, corsa non competitiva di 20 km. Il 19 settembre, invece, correranno i ragazzi fino a 19 anni con l’Adamello Trail Junior e differenti anelli da percorrere nella natura.

Un evento che, ha detto Ilario Sabbadini, assessore alla Comunità Montana, con la sua “forza, tenacia, resistenza e caparbietà rappresenta un esempio per tutti, per vedere la luce in fondo al tunnel. Qui si è combattuto durante la guerra, adesso c’è lo sport e l’entusiasmo”.

[Foto di Mauro Mariotti]

Share This