Nella classifica stilata dalla Fondazione Openpolis sugli investimenti pro capite dei Comuni per la “tutela, valorizzazione di beni e attività culturali”, la Vallecamonica può dirsi soddisfatta.

Premesso che bisogna tenere conto che la spesa è legata al numero di abitanti e che numerosi Comuni hanno risorse sempre più risicate, la classifica bresciana vede infatti al primo posto Cedegolo, con 141,85 euro di spesa pro capite per i propri beni culturali.

Un primato che “mi inorgoglisce e rallegra”, commenta al Giornale di Brescia Andrea Pedrali, primo cittadino del paese, dove si trovano due poli culturali di tutto rispetto, come il Musil (a cui il Comune riserva 15mila euro all’anno) e Casa Panzerini, alle cui attività compartecipa l’Amministrazione.

Al secondo posto c’è Vione, con 136,83 euro di spesa pro capite, mentre al quarto troviamo Cividate Camuno, con 105,32 euro. Fanalini di coda, per quanto riguarda la Vallecamonica, sono Piancogno (2,92 euro), Paisco Loveno (2,91 euro) e Corteno Golgi (2,72 euro).

Sul fronte nazionale, invece, Brescia esce a testa alta, al sesto posto, con 70,9 euro di spesa pro capite per la valorizzazione dei propri beni culturali, dietro a Firenze, Trieste, Milano, Bologna e Venezia.

SPESE PROCAPITE DEI COMUNI DELLA VALLECAMONICA PER LA VALORIZZAZIONE DEI PROPRI BENI CULTURALI

Cedegolo (141,85 euro)

Vione (136,83 euro)

Cividate Camuno (105,32 euro)

Bienno (91,63 euro)

Cevreno (86,98 euro)

Cevo (86,01 euro)

Breno (61,26 euro)

Paspardo (59,70 euro)

Capo di Ponte (40,68 euro)

Cimbergo (30,84 euro)

Edolo (30,34 euro)

Vezza d’Oglio (29,57 euro)

Ceto (29,48 euro)

Sonico (28,46 euro)

Provaglio d’Iseo (27,86 euro)

Monno (27,08 euro)

Pisogne (23,59)

Pontedilegno (20,94 euro)

Monte Isola (20,29 euro)

Zone (20,17 euro)

Marone (19,55 euro)

Iseo (19,02 euro)

Saviore dell’Adamello (16,54 euro)

Gianico (16,23 euro)

Berzo Demo (14,60 euro)

Darfo Boario Terme (14,59 euro)

Pian Camuno (14,37 euro)

Temù (12,44 euro)

Sulzano (12,22 euro)

Niardo (12,06 euro)

Ossimo (11,91 euro)

Esine (11,26 euro)

Malegno (10,64 euro)

Lozio (10,01 euro)

Sale Marasino (9,64 euro)

Berzo Inferiore (8,85 euro)

Ono San Pietro (8,48 euro)

Angolo Terme (8,15 euro)

Borno (8,13 euro)

Losine (7,72 euro)

Sellero (7,69 euro)

Braone (6,40 euro)

Artogne (6,37 euro)

Incudine (5,59 euro)

Piancogno (2,92)

Paisco Loveno (2,91 euro)

Corteno Golgi (2,72 euro)

Share This