Volontariato e solidarietà come investimento per il territorio e per chi ci vive: è questa la premessa con cui, dal 1994, L’Arnica di Berzo Demo opera in Vallecamonica. L’associazione di Protezione Civile presieduta da Manolo Bosio non si ferma mai: non l’ha fatto questo inverno, quando la siccità ha favorito il propagarsi degli incendi in alcuni boschi, così come quest’estate, quando l’alluvione che ha travolto Niardo ha visto i suoi volontari in prima linea fin da subito.

Ma sono numerose le situazioni in cui L’Arnica e le altre associazioni di Protezione Civile della Vallecamonica sono chiamate ad intervenire. Situazioni ed impegni che richiedono sempre nuove forze, nuovi volontari decisi a voler dedicare parte del loro tempo libero ad una giusta causa.

Da qui nasce il corso per soccorritore esecutore che L’Arnica presenta venerdì 23 settembre, alle ore 20:30, presso la propria sede: l’invito a prendervi parte è aperto a tutti coloro che percepiscono la necessità di una maggiore responsabilità comune.

L’Arnica, in particolare, ci ha spiegato che il corso è diviso in due parti: la prima, composta da quarantadue ore, serve ad ottenere l’abilitazione al trasporto sanitario semplice (ovvero viaggi programmati da e per l’ospedale per visite, dialisi, persone allettate, o da e per le case di riposo); la seconda, da settantotto ore, per diventare soccorritore esecutore. Chi volesse fermarsi solo alla prima parte può quindi farlo senza problemi, rendendosi utile nella quotidianità di un servizio molto importante.

Share This