La Navigazione Lago d’Iseo punta per il futuro sull’elettrico e su un maggior rispetto dell’ambiente. Prendendo l’esempio dal Nord Europa, dove sono già in funzione delle motonavi elettriche per le brevi distanze, la società che si occupa del trasporto sul Sebino vuole rinnovare la propria flotta, sostituendo tre navi diesel con altrettante full elettric, da mettere a disposizione nelle tratte più brevi, ovvero da Peschiera a Sulzano, da Carzano a Sale Marasino e la tratta scolastica da Lovere a Pisogne.

Le risorse necessarie, 12 milioni di euro, proverrebbero dal Ministero dei Trasporti e dell’Ambiente e dalla Regione, da cui si attende la firma di una convenzione, a cui dovrebbe seguire quella tra la Regione e l’Autorità di Bacino.

I fondi servirebbero anche per il rimontaggio dello storico battello Iseo, ora fermo nel cantiere di Costa Volpino e di cui saranno sistemati gli impianti e lo scafo, con un allargamento dell’ingresso a favore dei diversamente abili. La Navigazione Lago d’Iseo è inoltre ancora in ballo per quanto riguarda il contezioso con i cantieri Zara per la motonave ibrida Predore, in quanto in attesa della sentenza del Tribunale di Bergamo.

Share This