“Un pc per tutti”. Questo il titolo dell’iniziativa messa in campo da Comunità Montana e Bim di Vallecamonica insieme ad Assocamuna imprenditori, che raccoglieranno, rigenereranno e distribuiranno i computer dismessi da varie aziende del territorio per destinarli ai cittadini bisognosi.

Un’idea semplice ma che può fare la differenza in quelle famiglie che sono sprovviste di computer o tablet e che non possono accedere alle lezioni a distanza della scuola che frequentano i loro figli.

Non tutti infatti, anche in Vallecamonica, possiedono un dispositivo in casa dal quale accedere alla didattica online. I sindaci camuni sono stati chiamati in causa dagli enti comprensoriali: entro lunedì dovranno raccogliere le esigenze delle famiglie e per ogni pc richiesto dovranno indicare (via mail a: cristina.valgolio@cmvallecamonica.it) il numero di componenti in età scolastica delle singole famiglie e l’eventuale gravità della situazione in cui tali famiglie potrebbero versare (legata all’emergenza sanitaria oppure ad altri problemi).

Sarà la start up Limes Farm ad occuparsi della riformattazione dei computer, mentre saranno i singoli Comuni a provvedere alla consegna a domicilio dei dispositivi agli studenti per i quali ne hanno fatto richiesta.

Share This